- il 17 maggio 2013 è nata ADL Varese - Democrazia, Trasparenza, Autonomia e Coerenza non devono essere solo delle parole vuote - ADL Varese non vuole essere ne più grande ne più bella ne più forte, ma semplicemente coerente -

- nel 1992 nascono FLMUniti Varese e CUB Varese, contemporaneamente nascono FLMUniti Nazionale e CUB Confederazione Nazionale -

- nel 2010 tutte le strutture di categoria della CUB Varese insieme a SDL Varese e RDB Varese si fondono e danno vita a USB Varese -

- nel 2013 USB Varese delibera a congresso l'uscita da USB e la nascita di ADL Varese mantenendo unite le precedenti strutture ex SDL Varese ex RDB Varese ex CUB Varese - -

mercoledì 18 gennaio 2017

Medicina Democratica a 40 anni dal suo primo Congresso (1976 Bologna) promuove un’iniziativa al fine di affermare il diritto alla salute.

LA DATA DELL’INCONTRO E FISSATA PER I GIORNI 20 GENNAIO 2017 (POMERIGGIO -  SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO) E  21  GENNAIO (TUTTA LA GIORNATA -  SUL SISTEMA SANITARIO NAZIONALE).
LA DISCUSSIONE DEL 21 E’ PROPOSTA INIZIALMENTE IN ASSEMBLEA QUINDI PER GRUPPI DI LAVORO PER ARRIVARE A UNA SINTESI E AD UNA CONCLUSIONE COMUNE. IL DOCUMENTO FINALE - DATA LA NUMEROSITA’ E COMPLESSITA’ DEI TEMI E LA NECESSITA’ DI DEFINIRE UNA PIATTAFORMA CONDIVISA - SEGUIRA’ NEI GIORNI SUCCESSIVI CON APPROVAZIONE VIA MAIL DA PARTE DEI PARTECIPANTI.
PROGRAMMA A QUARANT’ANNI DALLA FONDAZIONE DI MEDICINA DEMOCRATICA (avvenuta a Bologna nel maggio 1976)
CONVEGNO NAZIONALE MILANO – CAMERA CONFEDERALE DEL LAVORO -CORSO DI PORTA VITTORIA 43  (MM LINEA 1 SAN BABILA)

20 GENNAIO ORE  14,30 – 18.30 AULA BUOZZI
21 GENNAIO ORE 9 –  ASSEMBLEA PLENARIA AULA BUOZZI
ore 10,30  gruppi di lavoro
1. 1. Salute e organizzazione sanitaria: Per una nuova Riforma Sanitaria e l'individuazione di un modello di finanziamento della sanità che paghi la salute e non la malattia.  (Ripartire dalla Costituzione e dalla riforma del 1978, operare una critica alle successive involuzioni e arrivare a nuove proposte sulla base dei principi condivisi).
2. a) Salute e Lavoro (il superamento della pretesa contraddizione: servizi e strutture – partecipazione e prevenzione) e b) Ambiente e Lavoro (comprensivi della questione energetica, dei rifiuti, dell’agricoltura)
3. Salute della Donna (il superamento della discriminazione nei luoghi di vita e di lavoro: quali servizi e quali strutture – l’involuzione della 194 – il riduzionismo nei consultori)
4. Salute mentale (non si può tornare indietro dalla più grande riforma degli anni 70: quale riaffermazione e quale evoluzione nei servizi e nelle strutture)
5. a) I Livelli Essenziali di assistenza (quale medicina generale, quali ospedali: cura e riabilitazione) b) Epidemiologia e Prevenzione – Scienza e Formazione (criticare i conflitti di interesse che determinano una scienza funzionale agli interessi del mercato)
7. Disabilità, cronicità, non autosufficienza (ciò che viene ritenuto la causa dell’ ”enorme aumento della spesa sanitaria” che finisce per essere ridimensionato quando non escluso dal Servizio Sanitario Nazionale)
8. La Salute e Servizi Sanitari in Europa (confronto con la Rete Europea per il diritto alla Salute tramite alcuni rappresentanti di Francia, Belgio, Spagna, Grecia)
SI RICHIEDE A COLORO CHE INTENDONO PARTECIPARE AI GRUPPI DI ISCRIVERSI, DI PREPARARE UN BREVE DOCUMENTO INTRODUTTIVO CHE VERRA’ ESPOSTO NEL GRUPPO SCELTO -  ELEZIONE DI UN    COORDINATORE.
Ore 16,30 CONCLUSIONI: LE RETI PER LA DIFESA E L’AFFERMAZIONE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

Il contratto ti è rimasto ancora sullo stomaco?


martedì 17 gennaio 2017

CCNL Metalmeccanici: il Referendum è da rifare

Data: 10 Gennaio 2017

Spett. li
-          Associazione Industriali Roma
-          Federmeccanica/Assistal Roma
-          Fim/Fiom/Uilm Roma
PC
-          Leonardo (ex Finmeccanica) sede Nazionale

OGGETTO:  Mancato rispetto del Testo Unico sulla Rappresentanza del 10 gennaio 2014

Nei giorni 19/20/21 dicembre 2016 si sono svolti i referendum di consultazione sull’ipotesi di accordo del CCNL Federmeccanica-Assital dell’Industria Metalmeccanica e delle installazione di impianti. Secondo quando previsto dall’accordo, il referendum si sarebbe dovuto svolgere con le regole previste dal testo unico delle RSU del 10 gennaio 2014 e, più precisamente, l’accordo dice che “Saranno costituite Commissioni elettorali in tutti i luoghi di lavoro coinvolti da tale consultazione, così come previsto dall’Accordo interconfederale in materia di elezione delle RSU”. Il TU sulle RSU del 10/1/2014 prevede la convocazione della Commissione elettorale in rappresentanza di tutte le Organizzazioni Sindacali che hanno eletto RSU all’interno del sito produttivo secondo le regole stabilite dallo stesso.

Con la presente siamo a denunciare la violazione di tale regolamento nei siti produttivi della ditta  Leonardo/Finmeccanica di C. Costa di Samarate (VA) e di Venegono (VA) in quanto Fim Fiom e Uilm hanno costituito le commissioni elettorali senza coinvolgere le RSU di A.D.L. Varese.
Per quanto sopra esposto si ritengono non validi i referendum svolti nei siti produttivi di Leonardo/Finmeccanica di C. Costa di Samarate (VA) e di Venegono (VA) e si chiede una nuova consultazione referendaria;

In caso di mancata convocazione di un nuovo referendum, si chiede l’attivazione della procedura arbitrale secondo quanto stabilito dal TU sulle RSU del 10 gennaio 2014 per la palese violazione delle regole stabilite dallo stesso per quanto concerne la validità del referendum sul rinnovo del CCNL Metalmeccanici.

In caso di mancata attivazione della procedura sopra detta, la O. S. ADL Varese considera il rinnovo del CCNL Metalmeccanici non valido, e si ritiene esonerata dal rispetto delle disposizioni stabilite dalla Parte Quarta del TU sulle RSU del 10/1/2014: “disposizioni relative alle clausole e alle procedure di raffreddamento e alle clausole sulle conseguenze dell’inadempimento”, in quanto è palese la violazione delle regole stabilite dal TU sulle RSU del 10 gen. 2014 da parte sia di FIM/FIOM/UILM sia di Federmeccanica-Assital, appartenenti alle associazioni che hanno sottoscritto tale accordo, nell’intento di escludere le RSU di ADL da un diritto di rappresentanza che è il nucleo centrale del TU in oggetto.

Distinti saluti

per ADL Varese,
il rappresentante legale
Fiorenzo Campagnolo

Malpensa appalto Pulizie Romeo Gestione: richiesta d incontro

Spett.le   

SEA SPA
      Aeroporti di Milano
      Fax 0274864019
     
Dott. R. Belloni
      roberto.belloni@seamilano.eu      
Ing     Stefano Dolci             
      stefano.dolci@seamilano.eu
     
Dott. D. Carnicelli     d
      aniele.carnicelli@seamilano.eu
     
Dott. M. Palmese
      marco.palmese@seamilano.eu
     
Dott.sa C. Poli
      clara.poli@seamilano.eu
     
Organismo di Vigilanza SEA ex 231/2001
      orgvigilanzainterna@seamilano.eu

                                                                               
Presidente P. Modiano
                pietro.modiano@seamilano.eu                                                                                      
C.O.O.  G. De Metrio
      Giulio.demetrio@seamilano.eu

Spett.le
Comune di Milano e A tutti i Gruppi Consigliari del Comune



Oggetto: richiesta di incontro urgente. (Rif. appalto di pulizie di Malpensa aeroporto affidato alla Romeo Gestioni Spa)

La scrivente Org. Sindacale, con la presente è a chiederVi un incontro urgente, al fine di AVERE SPIEGAZIONI IN MERITO AL DOCUMENTO IN ALLEGATO, documento che abbiamo ricevuto in forma anonima in questi giorni.

Nonostante la scadente qualità, tale documento sembra essere una aggiunta al capitolato d’appalto tra la SEA (committente) e la romeo Gestioni (appaltatore)  e, leggendolo, si intuisce che nel corso di questi 3 anni di appalto, all’interno della SEA c’è stata la volontà da  parte di una componente Aziendale, di contestare l’operato della Romeo Gestioni spa, promuovendo penali e contestando prestazioni non eseguite, MENTRE un’altra componente Aziendale si è prodigata nel condonare, e nel condividere varianti del capitolato di appalto, che hanno ridotto drasticamente i costi di gestione dell’appalto affidato alla Romeo gestioni.  Varianti che hanno stravolto il capitolato della gara di appalto, oggetto di valutazione da parte delle ditte concorrenti.


VARIANTI CHE HANNO SCARICATO SUI LAVORATORI DEI CARICHI DI LAVORO AGGIUNTIVI.

La finalità della nostra richiesta d’incontro, è quella di ricevere informazioni e spiegazioni in merito ad alcuni dubbi, sulla convenienza che c’è stata, da parte di SEA, nell’andare a modificare in questo modo un capitolato di appalto in corso d’opera, dubbi che di seguito cerchiamo di esporre non in forma esaustiva:

•     Dal 16 novembre 2013, data di avvio dell’appalto in riferimento, fino al 21 ottobre 2014, la Romeo Gestioni Spa ha fornito, presso l’Aeroporto di Malpensa, il monte ore giornaliero di 1.411 previsto nella sua proposta tecnica migliorativa presentata in fase di gara di appalto e da voi evidenziata nel verbale N° 8 del 15 giugno 2012?
•     Come mai dal 16 novembre 2013, data di avvio dell’appalto in riferimento, fino al 21 ottobre 2014 presso l’Aeroporto di Malpensa, la Romeo Gestioni Spa NON HA fornito quotidianamente del nuovo personale, per sostituire i propri dipendenti durante la pausa pranzo obbligatoria e non retribuita?
Ci permettiamo di ricordare che il capitolato sottoposto in gara di appalto, prevedeva 132 presidi giornalieri di 8 ore continuative, e questo scaturiva 132 ore giornaliere di pausa pranzo, che nel rispetto del capitolato gravavano sull’appaltatore per un costo giornaliero di: 132 x €.12,28 = €. 1.620,96 (annuo €. 591.650,40) dove €.12,28 era il costo dichiarato da Romeo Gestioni per il personale neo assunto al 1° liv.
•     Vorremmo sapere con quale logica e convenienza per SEA, nella variante del capitolato si sono aggiunte delle tolleranze sulla presenza effettiva del personale messe in turno dalla Romeo Gestioni spa?
•     Vorremmo sapere, nell’interesse di chi, un contenzioso di €. 1.220.000,00 (unmilioneduecentoventimila,00 euro), con la quale la predetta componente di SEA SPA, contestava alla Romeo gestioni Spa delle penali e delle prestazioni non eseguite, pretendendo uno storno sui pagamenti dei canoni spettanti all’appaltatore, sembrerebbe essere stato sanato con circa €.56.000,00 (cinquantaseimila,00 euro)
•     Nel condividere le varianti riportate sul documento allegato, c’è stata da parte Vostra l’intento di aumentare i vantaggi per la committente SEA SPA, per il Comune di Milano, o per l’Appaltatore?  In entrambi i casi vorremmo avere un dettaglio contabile.
•     Vorremmo ricevere chiarimenti in merito alla valutazione fatta dalla Commissione Giudicatrice, con la quale, dopo aver preso visione delle giustificative sull’offerta economica presentata dalla Romeo Gestioni spa, l’ha ritenuto sostenibile, e di conseguenza ha proposto di affidare alla Romeo Gestioni spa il servizio di pulizia aeroportuale. Rif verbale N° 12 del 24 agosto 2012.
•     Per ottenere tali varianti, l’appaltatore ha fatto leva sul fatto che è stata la Commissione Giudicatrice di SEA a dichiarare sostenibile la loro offerta economica presentata in fase di gara? Trasferendo il problema della sostenibilità dell’offerta economica, da chi l’aveva presentata a chi l’aveva giudicata sostenibile.
•     Nell’andare a condividere tali varianti, la dirigenza SEA Spa, si è posta il problema che tali varianti provocavano, di conseguenza, dei carichi di lavoro aggiuntivi sui dipendenti della Romeo Gestioni Spa, che si sono visti scaricare sulle loro spalle i sacrifici mentre qualcun altro ne traeva vantaggi economici? Vi evidenziamo che la mancata fornitura delle 132 ore giornaliere per la sostituzione pausa pranzo, e le tolleranze sulle presenze giornaliere, di fatto sono sempre state compensate dal lavoro  e  dal  sudore  dei  dipendenti, che  assunti  a  7 ore giornaliere, con obbligo della pausa pranzo di 1 ora  NON RETRIBUITA,  coprono il presidio per il quale SEA da capitolato di gara riconosce  8 ore di lavoro effettivo.
•     La proprietà è stata messa a conoscenza, ed ha avvallato, questa Vostre scelte, che ai nostri occhi appaiano inique e ingiustificabili?
•     Dalla Proprietà e dalla Politica Milanese vorremmo sapere se ritengono corretto, etico e socialmente sostenibile la gestione di questo appalto da parte di SEA SPA. E si sentono politicamente corretti nel ricevere gli eventuali profitti frutto di tale gestione, tramite dividendi del bilancio SEA SPA.
Nel rammaricarci nel constatare che da anni chiediamo trasparenza sull’operato di SEA SPA, sulla gestione delle gare di appalto e sulla loro gestione, e che nessuno ci ha mai ascoltato, rimaniamo comunque   in attesa di un Vostro doveroso riscontro e porgiamo distinti saluti.

Gallarate, 16/01/2017

Per ADL Varese
Campagnolo 

lunedì 16 gennaio 2017

INPS Le novità della legge di bilancio in tema previdenziale

Abolizione Penalizzazioni
COS’E’ Sono abolite definitivamente le penalizzazioni previste dalla c.d. ‘legge Fornero’ 1 ossia la riduzione percentuale della sola quota retributiva di pensione, proporzionata al numero di anni mancanti al raggiungimento del requisito anagrafico di 62 anni.

APE SOCIALE Anticipo pensionistico
COS’E’ E’ un’indennità di natura assistenziale a carico dello Stato erogata dall’Inps a soggetti in stato di bisogno che abbiano compiuto almeno 63 anni di età e che non siano già titolari di pensione diretta. L’indennità è corrisposta, a domanda, fino al raggiungimento dell’età prevista per la pensione di vecchiaia o dei requisiti per la pensione anticipata. Si tratta di una misura sperimentale in vigore dal 1° maggio 2017 al 31 dicembre 2018 intesa ad agevolare la transizione verso il pensionamento per soggetti svantaggiati o in condizioni di disagio ed è soggetta a limiti di spesa1 .

APE VOLONTARIA Anticipo finanziario a garanzia pensionistica
COS’E’ E’ un prestito erogato da una banca in quote mensili per 12 mensilità garantito dalla pensione di vecchiaia che il beneficiario otterrà alla maturazione del diritto. E’ riconosciuto in via sperimentale dal 1° maggio 2017 al 31 dicembre 2018.

Beneficio per i lavoratori precoci
COS’E’ E’ la possibilità, per i lavoratori che hanno iniziato a lavorare prima del compimento dei 19 anni, di accedere con un requisito contributivo ridotto alla pensione anticipata1 .

Beneficio per addetti a lavori usuranti
COS’E’ E’ la possibilità di accedere alla pensione anticipata con requisiti agevolati prevista per i lavoratori pubblici o privati che svolgono attività lavorative particolarmente faticose e pesanti, definite usuranti.

Cumulo di periodi assicurativi
COS’E’ E’ la possibilità di cumulare i periodi assicurativi con contribuzione versata in più gestioni previdenziali per conseguire il diritto ad un’unica pensione1 . Il cumulo dei periodi assicurativi non comporta il versamento di oneri a carico dell’interessato né il trasferimento di contributi da una gestione all’altra. Ogni gestione che interviene nel cumulo determina, per la parte di competenza, il trattamento pro-quota in rapporto ai propri periodi di iscrizione, secondo le regole di calcolo previste dal proprio ordinamento.

Quattordicesima
COS’E’ E’ una somma aggiuntiva1 corrisposta a luglio di ciascun anno dall’INPS ai pensionati con età di almeno 64 anni e con un reddito complessivo fino a un massimo di 2 volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti (per l’anno 2016 reddito max €. 13.049,14).

Regime sperimentale donna (c.d. opzione donna)

COS’E’ E’ un beneficio che consente alle lavoratrici di ottenere la pensione di anzianità con requisiti anagrafici più favorevoli rispetto a quelli in vigore dal 1° gennaio 2008 in poi. E’ un regime sperimentale in quanto previsto solo per chi ha maturato i requisiti nel periodo dal 1° gennaio 2008 al 31 dicembre 2015.

martedì 10 gennaio 2017

Malpensa, nuova protesta al T2 dei dipendenti della Romeo Gestioni che gestisce l'appalto delle pulizie - video

Malpensa, protesta ad alta quota

Costrette a pagarsi il parcheggio, i corsi 

di sicurezza, il tesserino aeroportuale, a 

recuperare l’ora di pausa-pranzo, a 

lavorare sotto personale, le addette delle 

pulizie a Malpensa, 350 lavoratrici tra 

terminal 1 e 2, non ce la fanno più.

giovedì 5 gennaio 2017

CONTNUA LA PROTESTA DELLE MAMME: RIAPRIAMO IL PUNTO NASCITE E LA PEDIATRIA DI ANGERA


ASST VALLE OLONA (OSPEDALI BUSTO E GALLARATE) FIRMANO PER ESSERE RAPPRESENTATIVI

ASST VALLE OLONA (OSPEDALI BUSTO E GALLARATE)
FIRMANO PER ESSERE RAPPRESENTATIVI
MA LA RAPPRASENTATIVITA' E' IL SEGUITO CHE HAI SU UN ARGOMENTO
Alle trattative con l'Amministrazione partecipano la RSU (organo elettivo e rappresentativo dei lavoratori) e le organizzazioni firmatarie di contratto ma un accordo è valido se firma solo la RSU, mentre NON lo è se firmano solo le organizzazioni sindacali firmatarie.
Se non c'è un regolamento della RSU tutti i componenti possono partecipare alle trattative, ma nella nostra Azienda tutti gli altri delegati, tranne quelli di ADL, hanno voluto un regolamento che creasse una delegazione trattante di pochi delegati RSU.
Recentemente 3 accordi sono stati firmati dalla maggioranza della delegazione trattante senza discussione e senza una votazione con il resto della RSU e qualche segretario provinciale ha ammesso di NON essersi accorto che in uno di essi si stabilisce che gli straordinari verranno pagati al raggiungimento di 30' e non più di 15'. Firmano senza leggere? Se si fosse riunita la RSU non sarebbe successo.
Ci chiediamo ma a cosa servono tutti gli altri delegati RSU?
Ci viene il sospetto che sottoscrivano qualsiasi cosa venga proposta dall'Amministrazione per avere una finta rappresentatività e far vedere che esistano.
La vera rappresentatività si ha quando più di 400 dipendenti sottoscrivono una raccolta firme per ottenere i tempi di vestizione.
ADL è rappresentativa inoltre quando anche iscritti ad altri sindacati dicono che quel problema può essere risolto solo da ADL.
Rappresentativo è chi vuole fare una lettera per i soli iscritti, si sparge la voce e la firmano anche quelli di altri sindacati, rappresentativo sei quando argomenti che l'Amministrazione non vorrebbe, entrano a far parte di un accordo.
Rappresentativo infine NON è chi raccoglie tessere perché offre assicurazioni, corsi e.c.m., sconti sui master, ecc. ma chi le ottiene per il suo impegno sindacale.
Diffidate da chi vuole avere una finta rappresentatività a tutti i costi!
Iscrivetevi ad ADL e le cose andranno meglio.